Il gruppo si forma nel settembre 1996 e lo scopo è quello di rivivere, con passione ed ironia, l'epopea dei più sgangherati complessi beat italiani dei medi '60.
Prima cover band (Satelliti, Teste Dure, I 4 Di Lucca) poi autori di proprie canzoni.
Nel '97 aprono il concerto di Mal (ex Primitives) a Cava dè Tirreni (SA), nel '98 condividono un concerto con la surf band romana dei Cosmonauti a Salerno e partecipano al IV Festival Beat internazionale di Castel S. Giovanni (PC), destando sorpresa, interesse, e ricevendo periodici inviti ad esibirsi nel nord Italia. Nel '99 esibizione a Napoli con artisti come Rudi Protrudi (Fuzztones) e Bradipos IV.
Nel 2000 applaudito live al Festival "Expo 2000" a Roma assieme a band come Chocolate Watch Ban, Greg Moore dei Gonn, Thanes e Others. Esce anche il 45 giri Inno dei Flauers per la Teen Sound di Roma le cui copie sono attualmente esaurite.
Nel 2003 vede la luce l'album Il mondo è strano (Teen Sound) con 11 canzoni in puro vinile di cui 8 originali e 3 cover (Teste Dure, I Ragazzi Del Sole, I Profeti).





Inno Dei Flauers
"Quando alzo il volume dello stereo a manetta per sparare nell'aere l'Inno dei Flauers... è impossibile essere amanti del beat e rimanere impassibili ascoltando questo 45 giri"
Ernesto "Doctor" Meazza - Jamboree

Quando i capelli si allungano e le gonne si accorciano - demo.
"Ho conosciuto questa splendida formazione di puro beat italiano, proveniente da Salerno, in occasione del Festival beat di Castel S. Giovanni e dal vivo, mi hanno folgorato per scioltezza e padronanza. Il demo si apre con lo strumentale Blues Theme acido e vorticoso, da sci-fi sound-track. Non vivo per te è un'autentica perla compositiva,uno di quei brani che sentiresti mille volte, tanta è la gioia che ti infonde; parte come 1-2-5 degli Haunted e poi sviluppa un beat/r&b su canoni nostrani, da vecchie balere dei circoli degli anni '60 Bambina sola di Mc Guire/Sloan è un garage beat con un solo super psichedelico. C'è un fiore è una squisita pagina folk-rock,un jingle-jangle alla Byrds e alla Turtles. Chiude Finirà trasposizione di grande presa della "for your love" degli Yardbirds. Potenzialmente siamo di fronte al più grande gruppo beat del periodo della riscoperta."
Enrico Lazzeri - Jamboree

"Nel campo del garage vi segnalo il nastro di Tony Borlotti e i suoi flauers, di Salerno. Il quartetto suona beat italiano puro (unica eccezione una cover di Bues Theme) e lo fa con grinta e freschezza. Tra le dediche del nastro quelle a Satelliti, Profeti, Mita Medici e Dalida. Più che una promessa."
Luca Frazzi - Rumore

"Ci vuole del fegato a fare uscire un disco di puro beat italiano, per di più in vinile. Ma Tony Borlotti e i suoi Flauers di fegato ne hanno a pacchi. Così non stupisce che nel 2003 cantino ancora di donne da sogni (Superdonna), fughe dalla routine (Via Da Questa Città) e amori impossibili (Questa Sera), lanciandosi persino in una sexy bossa strumentale (Bossa For Tony)e nel ripescaggio di cover dei Ragazzi del Sole (Atto di Forza n.10). Ad una decina di anni dalle ultime grandi neo sixties band italiane (Avvoltoi e Barbieri) questi 5 eroi salernitani ci ridanno dentro facendoci spalancare il sorriso un pò alla maniera di Lino e i Mistoterital."
Manuel Graziani - Mood

"E' una questione annosa quella della presenza scenica delle nostre bands. Ma non è certo il caso di Tony borlotti e i suoi Flauers, il gruppo che si è esibito a questo punto della serata. Gli HI FIVES italiani con il loro look pulito e il grintoso beat. La mattina in piazza di Spagna io e Maurizio avevamo ironicamente ricordato i beatnick nostrani seduti sulla scalinata di Trinità dei Monti e adesso ci troviamo catapultati in quegli anni. Nulla ci viene risparmiato: parrucche alla Rokes, tirate sui capelloni sfaticati, il nero italiano con una copia di Killing sbandierata sul palco! Da delirio Inno dei Flauers (per un mondo stupidissimo) seguito con una partecipazione dal pubblico ormai raccolto sotto il palco..."
Ernesto "Doctor" Meazza - Jamboree

"Tony Borlotti e i suoi Flauers kicked the show off. It was way too long since the last time I saw an Italian beat live performance and the Flauers caught the genre in its full glory! Subhumanly fool lyrics, GREAT song choice and a precise, total beat. I don't rate them in the same category of 80s and 90s heroes Gli Sciacalli (In Orbita era) and Gli Avvoltoi (Il Nostro è Solo Un Mondo Beat phase) - difficult goal indeed - but their show is 100% enjoyable."
Gasser - Less ice, please!

Il Mondo E' Strano - LP - Teen Sound
Italian guys in love with the 60s beat culture. This album will make the pre 60s beat sound fans happy. Due to their sense of humour the lyrics are funny on record as much as on stage. They present their latest compositions along with classic Italian beat covers like Atto di forza numero 10. A unique mix of authentic 60s beat and pop.
Sugar & Spice

Inno Dei Flauers - 45 tours - Teen Sound
Debut EP by Italian new beat combo sung in Italian, sounding very much like italian 60's bands Equipe 84, Primitives and Rokes.
Sugar & Spice

Il Mondo E' Strano - LP - Teen Sound
This band's world view is perfectly summed up by the back cover art to Get Hip's '60s Beat Italiano CD, where the foot of Southern Italy is wearing a Chelsea boot and the Appenines are covered in paisley! Tony is completely devoted to the sound of all those Italian beat bands, the kind that appear on Destination X's '60s Italian Beat Resurrection comps. Their approach is uncompromising - this is a vinyl only release, with vocals and sleeve notes in Italian. In short, fans of the original Italian '60s sound are bound to like this LP. To my ears many of the Italian and Greek bands had a lot in common; melodic and sometimes dramatic vocals, lots of organ and Superdonna, sum up this approach. Tony Borlotti shares a respect for his influences with other modern Italian bands like The Others, so that band originals sit nicely with covers such as Force Act No.10 by I Ragazzi Del Sole. One of the best songs is a cover of a cover, Bambina Sola, a version of You're A Lonely Girl by The Grassroots. Translation and rearrangement actually improves a good song. In common with the original Italian beat bands, individuals songs may not be outstanding classics, but the overall feel is greater than the sum of the parts.
Phil Suggit - Shiding! August 2003

Tony Borlotti (voce e chitarra)
Altezza: 1,68
Occhi: verdi
Capelli: pochi
Colore: daltonico
Zodiaco: sagittario
Hobby: il Lavoro
Strumento: voce, Eko 290 (Barracuda) 1966
E-mail: tony@tonyborlottieisuoiflauers.it
   

Gabriele Di Capri (organo Farfisa e voce)
Altezza: 1,75
Occhi: neri
Capelli: neri
Zodiaco: sagittario
Piatto preferito: quello abbondante
Colore: blu
Strumento: Farfisa Compact De Luxe ('65)
E-mail: gabry@tonyborlottieisuoiflauers.it
    

Johnny Dago (basso e voce)
Altezza: 1,73
Occhi: marroni
Capelli: neri
Zodiaco: toro
Piatto preferito: impepata di cozze
Hobby: collezionare francobolli
Strumento: Fender Jazz bass e Davoli organ bass ('66-'68)
E-mail: dago@tonyborlottieisuoiflauers.it
    

Mick Coppola (chitarra melodica e voce)
(fino a marzo 2004 P. Cartolano)
Altezza: 1,71
Occhi: marroni
Capelli: neri
Zodiaco: sagittario
Colore: rosso
Piatto: pizza margherita
Strumento: Meazzi Baby Jupiter ('69), Fender Jaguar('65), Vox AC30('70), Fender Bassman '59 reissue, Maratea custom audio Tone Bender Classic
E-mail: mick@tonyborlottieisuoiflauers.it
    

Vincenzo Criscuolo (batteria)
Altezza: 1,70
Occhi: marroni
Capelli: chiari
Zodiaco: tritone
Bicchiere: frumentum
Hobby: portare il tempo
Strumento: Hollywood Meazzi ('69)
E-mail: vinz@tonyborlottieisuoiflauers.it